.

Avrò dolore durante o dopo la terapia?

La maggior parte delle terapie endodontiche viene eseguita proprio per alleviare l'intenso dolore avvertito dal paziente che abbia una polpa infiammata. Grazie agli anestetici ed alle moderne tecnologie, la maggior parte dei pazienti non avverte il benché minimo dolore durante la terapia.

Durante i primi giorni successivi alla terapia è normale avvertire qualche dolore. Tale fastidio, qualora fosse di notevole entità, può essere facilmente tenuto sotto controllo con i più comuni analgesici.

In ogni caso, basterà attenersi scrupolosamente alle indicazioni del dentista per avere un decorso post-operatorio tranquillo.

Il trattamento endodontico, a seconda della sua complessità, può richiedere uno o più appuntamenti per essere completato. In ogni caso, per ottenere una completa guarigione del dente è necessario che l'odontoiatra esegua i seguenti passaggi:

  • L'Odontoiatra esamina il dente ed esegue una radiografia pre-operatoria. Viene effettuata un'anestesia locale. Quando il dente è pronto per essere trattato, l'odontoiatra pone un piccolo foglio protettivo chiamato "diga" attorno al dente per mantenere asettico il campo operatorio e per evitare di far ingerire al paziente i liquidi antisettici e/o gli strumentini necessari alla terapia.

Strumentario diga

  • L'Odontoiatra pratica una piccola apertura nella corona del dente per raggiungere il suo interno. Grazie a strumenti molto piccoli e molto precisi, la polpa infetta viene eliminata e lo spazio ove era contenuta viene disinfettato a fondo. Possono essere necessarie una o più radiografie intraoperatorie per verificare di aver ripulito tutto lo spazio all'interno del dente.
 
Strumenti manuali per l'endodonzia   Strumento non manuale per l’endodonzia
     

 

  • Dopo aver disinfettato a fondo tutto lo spazio in cui era contenuta la polpa, l'Odontoiatra sigilla tale spazio con materiali biocompatibili (guttaperca). La zona masticante del dente viene restaurata temporaneamente con un apposito materiale oppure si procede direttamente con il restauro definitivo. A fine trattamento, si esegue una radiografia che confermi l'avvenuto sigillo dello spazio interno del dente. Molto spesso, per evitare il rischio di frattura del dente, è necessario riabilitare la parte masticante del dente con un restauro protesico totale (corona).

 

Fasi schematiche di un trattamento endodontico