.

Implantologia a carico immediato

A differenza del trattamento implantoprotesico convenzionale, nel quale dopo l'inserimento dell'impianto nell'osso bisogna attendere un periodo di tempo più o meno lungo per l'inserimento di una protesi provvisoria (dai 4 ai 6 mesi), con il carico immediato è possibile il posizionamento immediato della protesi provvisoria (protesi fissa entro 24-48 ore dall'intervento).       

Questa tecnica, chiamata implantologia a carico immediato, consente il ripristino immediato di uno o più denti con grande comfort per il paziente che può continuare a condurre la sua normale vita immediatamente dopo l'intervento, con ridottissimo disagio per la mancanza del dente naturale.

Inoltre, se l'intervento implantologico viene pianificato con la tecnica transmucosa (flapless), tramite software specifici che riproducono fedelmente l’anatomia della bocca del paziente (COMPUTER ASSISTITA),  associata al carico immediato, il trattamento è veloce ed indolore; dopo l'intervento il dolore è limitato e può essere controllato comunque con farmaci antidolorifici.


Flapless


Computer assistita

L'implantologia a carico immediato è una metodica sicura che interessa esclusivamente la parte di osso in cui viene inserito l'impianto, senza fastidi ai denti o alle gengive adiacenti all'impianto.

L’elevato contatto tra osso ed impianto dà grande stabilità sia all'impianto (stabilità primaria) che alla protesi provvisoria fissa che viene immediatamente inserita.

La metodica del carico immediato offre quindi tutti questi vantaggi:

  • riduce il disagio psicologico per la perdita dei denti,
  • migliora l'estetica,
  • riduce l'atrofia ossea conseguente alla perdita dei denti, 
  • elimina la scomodità delle protesi mobili, 
  • riduce i tempi di trattamento, tutto ciò mantenendo la percentuale di successo del protocollo tradizionale

Quali pazienti possono utilizzare il carico immediato?

Possono essere trattati con il carico immediato tutti i pazienti affetti da edentulia (cioè della perdita/assenza di dente) sia totale che parziale ed i pazienti che necessitano di avulsioni(estrazioni) dentarie per diversi motivi.

  

  

Però prima di poter decidere se un paziente possa essere sottoposto o meno ad un trattamento implantare è necessario effettuare un'accurata anamnesi, un adeguato esame obiettivo ed aiutarsi sempre con esami radiografici aggiornati e moderni per escludere la presenza di controindicazioni al trattamento implantare.

Le controindicazioni assolute valide per l'implantoprotesi convenzionale sono le stesse per l'implantologia a carico immediato.

I pazienti che traggono i maggiori vantaggi dalla metodica del carico immediato sono in particolare i pazienti affetti da edentulia dei settori anteriori ed antero-laterali (perdita o mancanza di denti quali incisivi, canini e/o premolari) sia nell'arcata superiore che inferiore. Inoltre è utilissima per pazienti giovani che vogliono continuare a condurre una normale vita di relazione e professionale o per pazienti che hanno elevate esigenze estetiche, pazienti portatori di protesi rimovibili (dentiere) mal tollerate.

É possibile eseguire il carico immediato anche in quei pazienti giovani e meno giovani che stanno per perdere i denti per condizioni quali "piorrea" (malattia dell'osso e delle gengive) o per carie.

 Requisiti essenziali per l'implantologia a carico immediato sono una discreta qualità ossea, un'adeguata quantità di osso, la presenza di discreta quantità di gengiva aderente. La decisione finale spetta comunque sempre al dentista.