.

Carie e malattie gengivali

Denti storti formano degli anfratti difficilmente pulibili con l’igiene orale quotidiana: in queste nicchie si deposita placca e si accumula tartaro. Di conseguenza aumenta notevolmente il rischio di carie e malattia parodontale rispetto a denti dritti.



La malocclusione compromette la masticazione e, a causa del sovraccarico, può danneggiare i denti (abrasione, mobilità) e le articolazioni temporo-mandibolari. Il carico errato dei muscoli masticatori e delle articolazioni temporo-mandibolari può portare a dolori facciali, mal di testa, ronzii, nonché tensioni muscolari e difetti posturali a livello della colonna vertebrale (Sindromi discendenti). (vedi sezione "Gnatologia")

Esiste un rapporto tra crescita delle ossa del volto ed occlusione dentale?

Le ossa del volto, che sono il mascellare superiore e la mandibola, si sviluppano aumentando di volume nelle tre dimensioni dello spazio, secondo direzioni e tempi di crescita specifici e tendenzialmente con un aumento in avanti e verso il basso. E’ questo il motivo per cui il viso di un bambino è più piccolo e rotondo e negli anni si sviluppa in lunghezza e larghezza.

Le direzioni di crescita delle ossa mascellari superiori ed inferiori sono in funzione delle caratteristiche genetiche(familiari) e razziali.

Talvolta però i rapporti ideali non sono rispettati e la crescita non è omogenea. Possiamo definire tre classi di crescita delle ossa del volto dalle quali vengono anche classificate le malocclusioni: la classe I, la classe II e la classe III.

Classe I     Classe II     Classe III

CLASSE I                                       CLASSE II                                      CLASSE III

 

CLASSE I
Siamo in presenza di armonia di sviluppo, il profilo è regolare e rettilineo

CLASSE II
Il mascellare cresce più velocemente della mandibola che spesso rimane indietro, più corta e ruotata posteriormente.
Il profilo facciale è tendenzialmente convesso.

CLASSE III
Il mascellare superiore non si sviluppa verso l’avanti in maniera proporzionale allo sviluppo della mandibola che risulta più lunga con il mento sporgente. Il profilo facciale è generalmente concavo.

 I fattori che causano le malocclusioni sono numerosi ed associati. Questi possono essere ereditari (trasmessi dal patrimonio genetico dei genitori) ed ambientali.

Fattori ereditari:

  • affollamento dentario 
  • diastemi interdentali (spazio tra i singoli denti) 
  • denti soprannumerari (denti in più rispetto al numero normale) 
  • agenesie (mancanza di alcuni elementi dentali) 
  • Prognatismo: iposviluppo della mandibola associato o meno ad ipersviluppo del mascellare superiore 
  • Progenismo; ipersviluppo della mandibola associato o meno ad iposviluppo del mascellare superiore 

 Fattori ambientali :

  • abitudini viziate, come il succhiamento di pollice, penna e "ciuccio" oltre i 4 anni 
  • deglutizione infantile (o atipica) con interposizione della lingua tra i denti 
  • respirazione orale per ostruzione delle vie aeree superiori da tonsille ed adenoidi ipertrofiche, deviazione del setto nasale o allergie 
  • perdita prematura dei denti decidui o permanenti (per carie o traumi). 

Non vanno dimenticate le malocclusioni che sono l'espressione di sindromi malformative di origine genetica oppure conseguenti ad embriopatie, a fattori non ereditari come farmaci, sostanze tossiche, radiazioni ed agenti infettivi.

Oltre alle malocclusioni di I, II e III classe vi sono altre tipologie di malocclusioni:

  • Morso aperto

In occlusione i denti posteriori vengono a contatto mentre gli anteriori rimangono distanziati

 

  • Morso profondo


In occlusione gli incisivi superiori coprono eccessivamente quelli inferiori

 

  • Morso crociato monolaterale


In occlusione alcuni denti superiori chiudono all'interno dei rispettivi denti inferiori con possibile deviazione della mandibola ed asimmetria facciale.

 

  • Morso crociato - Bilaterale


In occlusione alcuni denti superiori chiudono all'interno dei rispettivi denti inferiori senza deviazione della mandibola ed asimmetria facciale.

 

  • Affollamento


I denti sono sovrapposti in genere perché l'osso di supporto è piccolo o i denti sono larghi. In questi casi è frequente che alcuni denti non trovino lo spazio necessario per erompere in arcata (denti inclusi)

 

 
Malocclusione ed espansione rapida del palato